sabato 8 gennaio 2011

Apertura al buio

Il capodanno è passato.
Abbiamo trascorso la mezzanotte in Serbia, insieme a tanti amici di Kraljevo, molti dei quali con alle spalle storie drammatiche di fuga, distruzione, morte. Ma siamo stati insieme, in una atmosfera di pacata allegria, senza esagerare, che il momento è davvero difficile.
Le lenticchie sono avanzate, così come le pennette al salmone e gli spaghetti alla carbonara. Ma è avanzata anche tanta voglia di fare, e pochi soldi.
Così, quel poco che è rimasto, lo rimettiamo nel piatto, come in una mano di poker. Si apre al buio. Al buio, per cercare di dare un po' di luce ad alcune famiglie di serbi, che sono tornate a vivere nel Kosovo "libero e indipendente" del premier Hashim Tachi, indagato, finalmente, per traffico di organi espiantati ai "desaparecidos" serbi nel '97 e '98, molto tempo prima delle bombe della Nato, che sarebbero state sganciate a difesa dei "liberatori" del Kosovo come lui, che finanziavano in quel modo "l'eroica impresa" (sapete? quelle verità nascoste che tutti conoscono ma delle quali nessuno si occupa... ecco, ora qualcuno se ne sta occupando, con le sue leggi, i tribunali, ecc. ecc.).
Queste famiglie hanno bisogno del nostro misero sostegno perché, anche se pochi, i soldi servono per crescere figli. Hanno bisogno della nostra misera solidarietà, per non sentirsi completamente isolati al mondo. Hanno bisogno che qualcuno, con misere parole, parli di loro, perché la loro voce non resti inascoltata. ( http://www.youtube.com/watch?v=9bZMukZpIgA&feature=mfu_in_order&list=UL )

Sono 30 euro al mese. Un fumatore ne spende molti di più (riducendo il "budget mensile" per il fumo, ne guadagnerebbe anche in salute...), così come ne spende molti di più un appassionato di calcio o di cinema o di qualunque altra cosa. Non è retorica, ma il convivere civile, la giustizia, la solidarietà devono obbligatoriamente passare per una rinuncia. Anche piccola, ma deve essere reale. Altrimenti, è elemosina. E dell'elemosina e dei filantropi non sappiamo più che farcene, a questo mondo. Buon 2011 a tutti.

3 commenti:

Lina ha detto...

un bacio grande !

ADCP ha detto...

Ti capisco sai, io ho lavorato in Kosovo per 7 anni, per questo so da che parte sta la ragione e il torto.
Purtroppo l'esperienza mi dice che l'interesse che c'è per Hashim Thaqi in questo momento, andrà piano piano a diminuire a guadagno delle buone ragioni di integrazione europea, ma a discapito delle vittime di thaqi che non vedranno giustizia.
Spero di sbagliarmi...

Alessandro Di Meo ha detto...

ADCP, purtroppo non credo tu possa sbagliare! Arriverà il turno di nuove facce che daranno immagini migliori di se, più rassicuranti e meno colluse col passato, almeno in apparenza, che è quello che più conta in questo assurdo mondo... ma che tutto lasceranno alle spalle! Ingiustizie, drammi, mafie, traffici illeciti. In questo, davvero integrati all'occidente!